KunstCo.de
logo donatella chiancone-schneider png Progetto di Donatella Chiancone-Schneider

Visioni del Sessantotto: Artiste, eat-art, copertine di dischi e replicanti

Logo Visioni del Sessantotto

Tournée internazionale di conferenze


 Niki, Yoko e le altre  Artiste intorno al 1968
Link: altro progetto sulla storia delle artiste

 Daniel Spoerri e la Eat-Art  Si mangia anche con gli occhi
Link: altro progetto sul cibo nell' arte

 Dal pop allo psichedelico  Copertine artistiche di dischi intorno al 1968

 Gli androidi sognano pecore elettriche?  La fonte di Blade Runner compie 50 anni
Link: doppio progetto su Blade Runner

Dettagli sui singoli argomenti più in basso

Sommario appuntamenti 2018-2019

 12.03.2018 Aalen  Volkshochschule •  14.03.2018 Offenburg  Volkshochschule •  22.03.2018 Nürtingen  Volkshochschule •  26.05.2018 Hannover  Bildungsverein •  11.06.2018 Detmold  Augustinum •  12.07.2018 Colonia  Volkshochschule (parte 1) •  07.09.2018 Colonia  Volkshochschule (parte 2) •  11.10.2018 Colonia  Volkshochschule •  24.10.2018 Avellino  Associazione culturale italo-britannica •  06.11.2018 Gießen  Volkshochschule •  15.11.2018 Colonia  Volkshochschule •  05.12.2018 Gütersloh  Volkshochschule •  08.12.2018 Potsdam  Cinema Thalia •  09.12.2018 Berlino  Cinema Union •  10.12.2018 Görlitz  Volkshochschule •  13.12.2018 Colonia  Volkshochschule •  30.01.2019 Heilbronn  Volkshochschule •  07.02.2019 Colonia  Museum für Angewandte Kunst Köln •  26.2.2019 Friburgo Centre Culturel Français •  27.3.2019 Erftstadt  Volkshochschule •  19.9.2019 Colonia  Volkshochschule •  17.11.2019 Neuss  Volkshochschule •  20.11.2019 Brühl  Zoom Kino •  28.11.2019 Marl  Volkshochschule

Dettagli sui singoli argomenti

Niki de Saint Phalle: scultura

Niki, Yoko e le altre artiste intorno al 1968

Negli Sessanta-Settanta si amplia la conoscenza delle artiste per due ragioni: da un lato la ricerca femminista riscopre numerose pittrici e scultrici passate, dall' altro personalità impegnate come Niki de Saint Phalle, Yoko Ono e Valie Export riescono ad imporsi nella scena artistica attraverso il proprio lavoro e rendono così durevolmente più visibili anche le colleghe. La conferenza presenta alcuni profili di rilievo e tendenze tipiche intorno all' anno 1968 ponendoli nel contesto dell' arte delle donne (al di qua e al di là del femminismo) e offre in prospettiva uno sguardo alla situazione attuale delle artiste nella percezione collettiva e della carriera femminile nel settore artistico.

Daniel Spoerri e la eat-art  Si mangia anche con gli occhi

In principio era l'imitazione del cibo in pittura e scultura, fra l'altro con nature morte, allegorie, ritratti, soggetti sacri. Poi gli alimenti divennero materia prima per arte commestibile o incentrata sul tema della decadenza. Personaggio centrale di questa transizione del vitto da illustrazione simbolica a materiale impiegato concretamente è Daniel Spoerri: nel 1968 il pittore fondò la Eat-Art-Edition e inaugurò il ristorante dei Sette Sensi nonché poco dopo la Eat-Art-Galerie. Inizialmente preparava personalmente le pietanze offerte realizzava prime sculture a partire dal cibo, in seguito Spoerri inventò i cosiddetti quadri-trappola: dopo i pasti fissava stoviglie e avanzi alle tavole, che appendeva come dipinti alla parete. La presentazione illustra queste e altre tendenze della eat-art.

Dal pop allo psichedelico copertine artistiche di dischi intorno al 1968

Con la rivoluzione dei fiori soffia un nuovo vento che trasforma insieme al suono anche l'aspetto della musica. Intorno al 1968 nascono le prime copertine artistiche dei dischi, che costituiscono spesso il lato visivo di ambiziosi album concettuali. Andy Warhol e altri grandi nomi della Pop Art contribuiscono con proprie creazioni, non di rado scandalose, all' innalzamento dei supporti in vinile delle canzoni e della loro confezione a oggetti di culto. La forza esplosiva estetica e l'attrattività commerciale dei dischi così offerti in vendita viene enormemente accresciuta e inaugura una duratura fase del design e del collezionismo di questi involucri. La presentazione illustra questo fenomeno con esempi illustri di copertine, fra gli altri dei Beatles, dei Velvet Underground, di Jimi Hendrix, dei Rolling Stones e dei Pink Floyd.

 Gli androidi sognano pecore elettriche? La fonte letteraria di Blade Runner compie 50 anni

Guerra nucleare, catastrofe ambientale, dipendenza dalla tecnica e incomunicabilità: è così che l'autore di fantascienza Philip K. Dick si immaginava nel 1968 il mondo intorno alla fine del secondo millennio. La sua tetra visione del nostro futuro ha ispirato il regista Ridley Scott e il film di questi ha superato in notorietà e popolarità di gran lunga il modello letterario. La conferenza illustra le idee di base del libro e paragona questo col suo adattamento cinematografico del 1982. Il materiale intorno ai terrestri inumani e gli androidi troppo umani offre spazio per discussioni per esempio intorno all' attualità del romanzo e gli scenari concepiti parallelamente in 2001 Odissea nello spazio, che nel 1968 apparve parallelamente come libro e film.